MUSAE MUSICALI   im)pulse for the future
 
 
H - Gelb/Grün - "RISVEGLIO" (Resurrezione)
 
 
H - Gelb/Grün - "RISVEGLIO" (Resurrezione)

     

Premessa
Quando ho concepito questo progetto, era mia intenzione di rimanerne semplicemente  l'ideatore senza cimentarmi personalmente nella creazione di un singolo brano. Ho deciso di contattare compositori austriaci e italiani, e 12 artisti hanno aderito a quest’idea. Solo con uno di questi compositori, un noto violoncellista e compositore italiano, sono rimasto in sospeso per lungo tempo, e alla fine non sono riuscito a finalizzare con una composizione il suo interesse e la sua adesione al progetto, lasciandomi con un’ultima nota/colore scoperta.
 
Ed era casualmente il Si. Il Si era rimasto senza risposta. Come potevo non dire sí al Si? Si come Signorini! Ho quindi cominciato a pensare se potevo occupare io questa frequenza libera, ma mi solleticava anche l'idea di lasciare uno spazio di libertá individuale al progetto Musae Musicale.
 
La soluzione l'ho trovata decidendo che il suono/frequenza Si rimarrá uno spazio libero dove ognuno potrá, se ritiene, dare il suo contributo personale al progetto Musae Musicale. Altrimenti si potrá suonare quello che ho composto per la prima esecuzione assoluta di Musae Musicale.

Possibilitá di esecuzione dell nota Si (H)
1). Il suono/frequenza Si (Signorini) é dunque uno spazio libero dove ognuno puó, se ritiene, dare il suo contributo personale al progetto Musae Musicali con una composizione propria, della durata fra i 30 e i 90 secondi, e con riferimento al tono Si e al colore giallo-verde. Nel caso ci farebbe piacere che faceste pervenire la composizione e una sua registrazione a noi, in modo da poter aggiornare il progetto.
 
2). Altrimenti si potrá suonare quello che Davide Zavatti ha composto per la prima esecuzione assoluta di Musae Musicali. 
 
3). Ad libitum si puó anche decidere di prendere la parte centrale della composizione di Raffaele Bellafronte Re-Si-Dance, pensata apposta dal compositore stesso per essere eventualmente divisa sulle due note. Re e Si. Renato Signorini.
 
 
Struttura e Ispirazione
La struttura 2+4  ⁄2+4 / costituisce un blocco di 12 (!) misure, e la danza finale sono 8, che rovesciato é il simbolo dell'infinito. La nota Si é collegata al colore giallo/verde, che é per me il colore delle prime foglie che fanno capolino sugli alberi dopo l'inverno.  È l'annuncio della Primavera, il risveglio, la resurrezione. La Pasqua. Nelle prime due misure avviene la presentazione del tema Si Re Fa# Sol, che é un omaggio a J. S. Bach. Infatti le prime quattro note (trasportate) sono quelle del tema dell'Offerta Musicale di J.S.Bach. Si e Re sono anche le iniziali di Signorini Renato.
 
Analisi
Battute 1/2
Il tema iniziale si presenta in stato embrionale, un disegno dello spirito. Il violoncello lo espone utilizzando un suono (gli armonici) ancora lontano da una piena incarnazione. L'utilizzo del sordino rende il suono ancora piú astratto. Il flauto  genera impulsi legati al respiro.
 
Battute 3/6
Segue l'esposizione del tema. Ho operato una scelta volutamente e consapevolmente melodica, un omaggio alla tradizione italiana. Il tema viene cantato verso sé stessi, non verso l'esterno. C'é nostalgia, la ricerca di un fiore sotto la neve, l'attesa.
 
Battute 7/8
Nelle due battute successive succede qualcosa di imprevisto. Un vento/impulso che viene da sud (cello) incontra quello del nord (flauto).
 
Battute 9/12
Il maschile e il femminile (cello e flauto) espongono adesso il tema insieme, ma non ancora all'unisono. L'incontro avviene attraverso il dialogo.
 
Battute 13/20
Questo dialogo sfocia nella danza finale, che vuol simbolizzare un inno alla Vita, la materializzazione dello Spirito sulla Terra. Il percorso inverso rispetto alla spiritualizzazione della materia evocata come missione nell'opera di Renato Signorini. L'ultima nota é Si!


Davide Zavatti

Davide Zavatti nasce a Forlì nel 1964. Allievo di Leonello Godoli, ottiene nel 1985 il diploma di violoncello presso il Conservatorio di Pesaro, perfezionandosi successivamente con Rocco Filippini, Franco Rossi ed il Quartetto Amadeus. Inizia quindi una carriera musicale che lo porta a esibirsi in teatri italiani ed europei. Vincitore ed idoneo in concorsi e audizioni nazionali ed internazionali (Orchestra Sinfonica dell’Emilia-Romagna - Parma, Teatro S. Carlo di Napoli, Orchestra Internazionale del Festival di Aberdeen in Scozia) ha collaborato in qualità anche di Primo violoncello con orchestre da camera e sinfoniche. Nel 1990 è ideatore, fondatore e direttore artistico del Festival di musica da camera Sadurano Serenade. Dal 1989 al 1995 è docente di violoncello presso il Liceo Musicale di Forlí, incarico da cui si dimette per trasferirsi a Vienna e in Austria dove tuttora vive. Collabora come primo violoncello con la Leondinger Symphonie Orchester e svolge varia attività di musica da camera.
 
 
Davide Zavatti wird 1964 in Forlì geboren, und bekam seinen ersten Violoncellounterricht bei Prof. Leonello Godoli. 1985 erhält er am Konservatorium von Pesaro das Diplom für Cello. Seine Ausbildung wird durch Kammermusik- und Meisterkurse unter Amadeus Quartett und M. Franco Rossi ergänzt. Er studierte außerdem drei Jahre an der Stauffer Akademie von Cremona bei M. Rocco Filippini. Neben seiner Kammermusiktätigkeit konzertierte er auch als Solocellist mit Kammer- und Sinfonische Orchestern (Orchestra Sinfonica di San Marino, Orchestra da Camera Petrella, Filarmonica Italiana, AFSO Salzburg, etc). Davide Zavatti tritt in renommierten italienischen und europäischen Theatern auf (Roma, Arena Verona, Milano, Parma, Londra, Budapest, Atene, Berlino, Lipsia, Musikverein Wien, Mozarteum Salzburg, etc). Er hat verschiedene ausgeschriebene Stellen und Probespiele für Cello gewonnen (Orchestra Sinfonica Toscanini - Parma, Orchestra Teatro San Carlo - Neapel, etc). Von 1989 bis 1995 unterrichtet er Cello am Liceo Musicale A.Masini von Forlì. 1990 ist er Initiator, Gründer und künstlerischer Direktor des Festivals der Kammermusik Sadurano Serenade. Seit 1990 beschäftigt er sich auch mit Design, Fotografie, Grafik und kreativen Konzepten. Er entwickelte Projekte, die versuchen, im)pulse für die Zukunft zu setzen, wie z.B. 2012 in Italien der Concerto SeConDario, 2013 in Luxemburg das Projekt Musae Musicali - www.musae.at - Davide Zavatti ist seit Gründung Creative Director bei der Werbeagentur p-format Marketing & Advertising. Er spielt ein Instrument von Frans Van Dijk, Heiligenberg 1978, op. XVII. 

www.zavatti.eu
 


 
 
German
 
 
Web views n. 92537

www.massimolenzi.com